La pastorale familiare e degli adulti

La pastorale familiare e degli adulti

1. ATTIVITA’E PROPOSTE ESISTENTI

PER LA FAMIGLIA E LA COPPIA
Esiste una équipe vicariale di pastorale familiare nella quale ogni parrocchia è rappresentate da una coppia referente. Non c’è però una commissione famiglia della Collaborazione.
Due sono i corsi di preparazione al sacramento del matrimonio. Da quello promosso nella parrocchia del Duomo si sono formati, nel passato, quattro gruppi famiglie che continuano. Un gruppo famiglie, di recente costituzione, è presente nella parrocchia di Calvecchia – Fiorentina.
Tre i gruppi famiglie nella parrocchia di Mussetta.
A livello interparrocchiale ci sono due gruppi di giovani famiglie legati con riferimento all’Azione Cattolica.

Proposte spirituali e formative per le famiglie sono rivolte ai genitori dei bambini delle Scuole parrocchiali per l’infanzia e a quelli dei ragazzi del catechismo. Ad esse si aggiungono il ritiro di Avvento aperto a tutta la Collaborazione e la Messa mensile per le famiglie a Calvecchia - Fiorentina.
Una decina di coppie della Collaborazione Pastorale ha partecipato o sta partecipando all’itinerario diocesano per animatori di pastorale familiare, con buoni frutti sia per la propria vita di coppia e spirituale, sia per una maggiore corresponsabilità nella vita parrocchiale.

In ogni parrocchia annualmente si celebrano gli anniversari di matrimonio. A livello vicariale viene proposto, pure ogni anno, un evento formativo per le famiglie invitando esperti e testimoni, invitando anche a partecipare alla festa diocesana delle famiglie.

Per la preparazione al battesimo ogni parrocchia agisce in modo autonomo, con due o tre incontri gestiti da coppie animatrici e dal parroco. La parrocchia del Duomo propone un cammino di approfondimento post- battesimale.

Non ci sono servizi pastorali specifici per famiglie che vivono situazioni difficili o irregolari.

PER GLI ADULTI
Gruppi di formazione sono: una comunità Masci (Movimento adulti Scout Cattolici italiani), il gruppo ‘Caio’ (Comunità adulti in oratorio), due gruppi di AC adulti (a San Giuseppe Lavoratore e a Calvecchia – Fiorentina). Sempre a S. Giuseppe Lavoratore si attivano Gruppi di ascolto della Parola nei tempi forti dell’anno liturgico, mentre presso la Fraternità delle Discepole del vangelo viene proposta una Lectio divina settimanale.
Altri gruppi sono: Gruppo apostolato della preghiera, un corso di Vita Nuova, l’AGE. Nella Collaborazione Pastorale sono presenti pure dei Movimenti quali: Comunione e Liberazione, Rinnovamento nello Spirito, alcuni Focolarini.

2.PERCEZIONE DELLA SITUAZIONE
FAMIGLIA
Discreto il numero di famiglie che cercano di vivere la loro vocazione con gioia, seguendo il Vangelo con fedeltà e generosità. Per tante però il riferimento a Gesù è poco presente, causa anche il clima di secolarizzazione e così, ad esempio, molti genitori chiedendo il Battesimo non hanno consapevolezza del cammino che si apre per loro o il sacramento del matrimonio è percepito come impegno che soffoca la libertà e quindi si preferiscono le convivenza, sempre più diffuse. La cosiddetta ‘famiglia tradizionale’ incontra difficoltà nell’ambito lavorativo (orari esagerati, lavoro festivo, disoccupazione, stress, scarso sostegno legislativo) e in quello dei legami (infedeltà, separazioni, divorzi, disagio nella genitorialità, diminuzione nella natalità). Di fronte a tutto ciò occorre cogliere come opportunità le occasioni in cui le famiglie bussano alle porte della comunità cristiana (a partire dalla domanda sacramentale) per risvegliare in loro il desiderio di conoscere e incontrare Gesù.
E’ necessario inoltre formare famiglie in grado di essere un riflesso del vangelo con la loro testimonianza, che trasmettano la bellezza, la ricchezza e pure la responsabilità della vocazione al matrimonio

ADULTI
E’ un buon segno la presenza di adulti che si impegnano in cammini formativi strutturati, anche se con una frammentazione di itinerari. A livello più ampio, registriamo un certo disorientamento negli adulti circa la fede; il benessere li ha distolti dai riferimenti della vita cristiana, anestetizzato le coscienze, allontanati dai sacramenti, in modo particolare dalla confessione. Crescente è anche l’ignoranza e il vuoto di esperienza di incontro con Gesù. I missionari ‘ad gentes ‘parlano di ‘in-culturazione’ del vangelo; da noi sembra di assistere a una ‘e-sculturazione’ del vangelo, una sua uscita di scena dalla realtà odierna. Famiglie e adulti hanno bisogno di guide e testimoni credibili che li ascoltino e li accompagnino. Servono inoltre percorsi formativi che aiutino a interpretare la realtà con lo sguardo del Vangelo, a far discernimento e a ravvivare l’adesione al Signore.

3.PROGETTI E URGENZE
- Promuovere l’evangelizzazione, valorizzando e qualificando le proposte esistenti e promuovendo qualche nuova forma di annuncio.
- Continuare la formazione di animatori di pastorale familiare.
- Promuovere i gruppi famiglia, rendendoli luoghi di crescita nella fede e nella vocazione di sposi, occasione di incontro, di sostegno e di rete tra famiglie.
- Dare rilievo nella comunità cristiana alle famiglie come soggetti di evangelizzazione e formazione.
- Proporre scelte di servizio, di attenzione ai poveri come testimonianza del Vangelo per superare l’individualismo.
- Preparare coppie e persone che possano aiutare le famiglie in difficoltà.
- Promuovere momenti di ascolto della Parola di Dio, di catechesi agli adulti che aiutino a ritrovare il riferimento al Signore nella vita delle persone e a maturare un’identità cristiana consapevole.

4.DOMANDE DA RIVOLGERE AL VESCOVO
1) Cosa chiede il Signore in questo contesto di scristianizzazione in cui le esperienze di base della nostra umanità (generazione, famiglia, maschile/femminile) vengono radicalmente poste in discussione? Quale futuro per la nostra società con tali premesse? Quali speranze?
2) Come affrontare e sostenere la solitudine dei genitori nel trasmettere i valori del Vangelo in un contesto che non li riconosce o li rifiuta?
3) Essere cristiani coerenti e portatori di speranza non è facile. Quali suggerimenti potrebbe offrirci per vivere meglio la  fede, la speranza e la carità cristiana in ogni ambiente che frequentiamo?

<< Torna alla pagina precedente

Per richiedere informazioni, inviare una richiesta o contattarci